• Home
  • Ricerca
  • Labotatori di ricerca
21 settembre 2017

 

Neuropsicologia

Responsabile: Dott.ssa Maria Cotelli, PhD

Ricercatori dell'U.O.: Rosa Manenti, Michela Brambilla, Sandra Rosini

Tirocinanti dell'U.O.: Il laboratorio di neuropsicologia è, inoltre, sede di tirocinio e tesi in ambito neuropsicologico degli studenti di psicologia (laurea magistrale) e di master di neuropsicologia (formazione post laurea) delle principali Facoltà di Psicologia.

Le attività di ricerca del Laboratorio di Neuropsicologica vertono su due filoni principali:
1) Prospettive terapeutico-riabilitative nelle malattie neurodegenerative: applicazione di tecniche innovative;
2) Studio delle principali funzioni cognitive e della loro modificazione nei soggetti normali e nell’invecchiamento fisiologico e patologico.

Potenziali applicazioni della stimolazione transcranica nella riabilitazione
PI : Maria Cotelli
Ricercatori coinvolti : Rosa Manenti, Sandra Rosini, Michela Brambilla e Michela Petesi
Negli ultimi anni abbiamo assistito alla nascita di nuove tecniche non invasive di stimolazione cerebrale, come la rTMS e la tDCS (stimolazione magnetica transcranica ripetitiva, rTMS e stimolazione transcranica a corrente continua, tDCS). Numerosi lavori indicano come, interagendo con l'attività neurale attraverso la stimolazione corticale, si possano modificare positivamente le prestazioni di pazienti affetti da varie patologie neurologiche.
L’obiettivo del presente progetto di ricerca è lo studio delle potenziali applicazioni di tecniche di stimolazione transcranica finalizzate al miglioramento di processi cognitivi coinvolti nella riabilitazione. Tale approccio potrebbe rappresentare il punto di partenza per lo sviluppo di protocolli innovativi di riabilitazione delle funzioni cognitive nei pazienti con patologie neurologiche. La ricerca è tuttora in una fase sperimentale, ma questi dati appaiono interessanti e promettenti e aprono la strada a nuovi studi sugli effetti terapeutico-riabilitativi della stimolazione magnetica transcranica nei pazienti affetti da malattia di Alzheimer.

Cognitività e invecchiamento fisiologico e patologico
PI : Maria Cotelli
Ricercatori coinvolti : Rosa Manenti, Sandra Rosini, Michela Brambilla e Michela Petesi
Recenti studi hanno evidenziato come il sistema nervoso centrale adulto, grazie ai meccanismi di plasticità, sia in grado di modificare la propria microstruttura. I pazienti affetti da malattia di Alzheimer (AD) presentano prevalentemente difficoltà nell’acquisizione di nuove informazioni con un risparmio della memoria implicita.
L’indagine neuropsicologica dei pazienti affetti da patologie neurodegenerative ha permesso la descrizione di specifici profili cognitivi associabili alle differenti presentazioni cliniche della demenza. A tale riguardo appare molto interessante lo studio dei profili cognitivi che caratterizzano e differenziano la malattia di Alzheimer da altre patologie neurodegenerative.
L’obiettivo del presente progetto di ricerca è l’individuazione di un profilo di indicatori neuropsicologici, rappresentativi dei deficit comportamentali correlati al processo di invecchiamento, sia nella sua normale espressione fisiologica che in quella patologica.

Principali pubblicazioni

Centri italiani e stranieri con cui vi sono stati rapporti di collaborazione nell'anno (concretizzati in: progetti collaborativi finanziati, pubblicazioni su riviste indicizzate, presentazione congiunta di grant applications)

Sito web del laboratorio